La prossima grande rivoluzione

Può sembrare strano (o forse no…) trovare in un libro che parla di energia, scritto da un economista, nel 2002, un capitolo dal titolo “Riglobalizzazione dal basso” e ancora paragrafi titolati “La lezione del World Wide Web” o “Generazione distribuita”.

Quando, qualche anno fa, lessi Economia all’idrogeno di Jeremy Rifkin rimasi affascinato da alcune idee espresse dall’economista e, in particolar modo, dalla sua visione di un (futuro) mercato dell’energia basato proprio sul modello di collaborazione ditribuita alla base del web… di QUESTO web.

Ecco qualche passaggio:

Nella storia, le grandi rivoluzioni economiche si verificano quando nuove tecnologie di comunicazione si fondono con un nuovo regime energetico, creando così un nuovo paradigma economico. Per esempio, nel Quattrocento l’invenzione del torchio da stampa introdusse una forma di comunicazione che, combinandosi, alcuni secoli dopo, con le tecnologie del vapore e del carbone, segnò l’inizio della rivoluzione industriale.
[…]
Analogamente, il telegrafo e, in seguito, il telefono rappresentarono una forma di comunicazione abbastanza rapida per adeguarsi all’aumento di ritmo, velocità, flusso, densità e interattività che si verificarono con la progressiva sostituzione del carbone con il petrolio.
Oggi l’idrogeno, le nuove celle a combustibile e le tecnologie di
generazione distribuita cominciano a convergere con la rivoluzione dell’informatica
e delle telecomunicazioni, lasciando presagire l’avvento di un’era completamente nuova.
[…]
<<La trasformazione dell’utente passivo di energia in produttore autonomo>>
scrive Steve Silberman <<è equiparabile allo sviluppo dei media interattivi,
della condivisione fra pari e dell’autoregolamentazione>> nel World Wide Web.

Non vi sentite toccati???

Ammetto che l’idea di far parte di una rivoluzione mi colpisce parecchio.
Forse è solo utopia ma… VOGLIO CREDERCI!

Entro il 2008 spero di riuscire ad attivare un impianto fotovoltaico e grazie allo “scambio sul posto” previsto dal conto energia immeterò in rete l’energia prodotta e non consumata. Diventerò un produttore/fruitore di energia, un soggetto attivo, come sul web.

Mica male… Speriamo… 😉

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...